Paolo Angeli
Venerdì, Giugno 21, 2019 - 21:30
Ingresso: 15 € (intero), 10 € (tesserati ARCI)

Paolo Angeli - Free Radiohead | ore 21:30
Con la sua chitarra orchestra il musicista sardo interpreta e destruttura il materiale compositivo dei Radiohead, uno dei gruppi più importanti degli ultimi decenni, trasfigurando il repertorio con un senso di libertà assoluta. Siamo molto lontani da un'idea di cover e ci troviamo difronte alla costruzione di una suite basata su una drammaturgia organica. Angeli vira sulle rotte dell'improvvisazione psichedelica, costruisce ponti mettendo in connessione avanguardia colta e forma canzone, ricompone la discografia dei Radiohead in un'unico respiro, trasformando una partitura compiuta in un'opera aperta: i brani diventano tasselli di un mosaico, arabeschi che decorano un portale tra occidente e oriente. Sono pezzi di vetro racchiusi in un caleidoscopio, guardati e riletti attraverso la lente di un'elegante free music mediterranea, in cui l'avanguardia incontra il post-rock, la pulsazione flamenco si alterna alla tessitura evocata da un nastro analogico che rimanda al paesaggio sonoro della Sardegna.

Cristiano Calcagnile - ST()MA | ore 22:30
È il lavoro in solo di Cristiano Calcagnile, per batteria, percussioni, oggetti acustici ed elettrificati, DrumTable Guitar ed effetti. ST()MA nasce come performance musicale e, di fatto continua ad esserlo, ma ha trovato un suo naturale sviluppo anche in un opera filmica, di fiction e di documentazione (a cura di Bruno Pulici e Luca Orioli) e, successivamente, anche in un’ installazione fotografica (Bruno Pulici), che sarà vincitrice, nel 2015, del concorso ”fotografia Europa”. Per sua stessa natura, la performance musicale, attua un costante processo di sviluppo degli elementi compositivi ed espressivi che testimoniano, nel tempo, l’elaborazione stessa del “sentire”. ST()MA è la soglia, l’interstizio tra ciò che sta dentro e ciò che sta fuori. Luogo di transizione. Bocca vegetale, pratica chirurgica. ST()MA è la metafora attraverso cui Cristiano Calcagnile, a seguito di una esperienza personale di perdita, guarda alla trasformazione come necessità vitale ed evolutiva, attraverso una parafrasi artistica che ne coglie gli aspetti più intimi e conflittuali e ne conosce le fertili contraddizioni”.

Luogo di spettacolo

Associazione Culturale l'Alberodonte
via Ponte Cingoli 24a
Rodengo-Saiano (BS)