Sabato, Gennaio 25, 2020 - 21:30
Ingresso: 11,50€

Fresco vincitore del Conad Contest di Umbria Jazz 2019, Michelangelo Scandroglio è alla guida di un quintetto di talenti assoluti che esordirà a livello discografico con “In the Eyes of the Whale” il suo album di debutto come compositore e leader, in uscita per “Auand Records” nel gennaio 2020. Un lavoro profondamente ispirato dalla nuova corrente jazzistica contemporanea, dove la musica è caratterizzata da vari strati di melodie che si susseguono, si intrecciano e si fondono proponendo cosi all’ascoltatore un discorso in continua evoluzione. Il piano di Alessandro Lanzoni (Top Jazz 2013 come miglior nuovo talento) si fonde perfettamente con il drumming aggressivo di Bernardo Guerra; la tromba dell’americano Hermon Mehari, essenziale e riflessiva, si contrappone al virtuosismo del sax di Michele Tino. Il contrabbassista toscano, molto attivo pure come sideman,  è  un punto di riferimento per molti gruppi europei e ha avuto l'opportunità di suonare e collaborare con giganti del jazz italiano tra cui Enrico Rava, Stefano "Cocco" Cantini, Nico Gori, Carlo Atti, Flavio Boltro, Fabrizio Bosso e alcuni dei musicisti più riconosciuti a livello internazionale tra cui Logan Richardson, Glenn Ferris, Ben van Gelder, Marvin "Bugalu" Smith, Alex Sipiagin, Gregory Hutchinson, Seamus Blake . 

Luogo di spettacolo

Sala Vanni
piazza del Carmine
Firenze (FI)