Lunedì, Febbraio 3, 2020 - 21:00
Ingresso: PREZZI BIGLIETTI (in vendita dal 21 dicembre) intero € 20,00 ridotto socio Coop / convenzioni / over 65 / abbonati 19-20 € 15,00 ridotto under 25 e gruppi organizzati € 13,00 ulteriore riduzione del 5% per acquisti on-line

Gianluca Petrella trombone, elettronica
Michele Corcella direttore
Massimo Greco, Gabriele Polimeni, Matteo Pontegavelli tromba e flicorno
Cristiano Arcelli sax contralto, sax soprano e flauto
Federico Califano sax contralto
Francesco Milone sax baritono
Olivia Bignardi clarinetto e clarinetto basso
Federico Pierantoni, Lorenzo Manfredini trombone
Alain Pattitoni chitarra
Esmeralda Sella pianoforte
Kim Baiunco contrabbasso
Marco Frattini batteria
Morena Pavone, Ada Flocco, Chiara D'Emilio, Vincenzo De Stradis voce
arrangiamenti originali di Carla Bley
orchestrazione di Michele Corcella

produzione MetJazz
e Conservatorio G.B. Martini di Bologna
in collaborazione con Musicus Concentus

Era il 1969 quando il bassista Charlie Haden e la compositrice Carla Bley fondarono la Liberation Music Orchestra, una formazione composita ed eclettica, con solisti come Gato Barbieri, Don Cherry, Dewey Redman, Paul Motian, Roswell Rudd. Il programma e il repertorio erano esplicitamente politici: nel disco omonimo l'orchestra allineava canzoni della guerra civile spagnola, inni come We Shall Overcome e composizioni originali, tra cui una dedica di Haden a Che Guevara. Fu un successo inaspettato: la Liberation Music Orchestra si impose come il paradigma del jazz più impegnato, ma la sua attività rimase occasionale. Seguirono altri due splendidi album: The Ballad of the Fallen (1982) e Dream Keeper (1990), più Not in Our Name (2005). Queste musiche sono unanimemente considerate tra le migliori del jazz contemporaneo, ma non sono mai diventate parte del repertorio. Il direttore Michele Corcella ha accuratamente trascritto gli arrangiamenti originali di Carla Bley e li ha riorchestrati per la big band di studenti, ex studenti e docenti del Conservatorio G.B. Martini di Bologna. Per MetJazz abbiamo chiesto a Gianluca Petrella di assumere il ruolo di solista principale per ripercorrere insieme i bellissimi capolavori di quei quattro album. E offrire una nuova energia giovane, politica e carica di ideali all'inaugurazione dei 25 anni di MetJazz.

Luogo di spettacolo

Teatro Metastasio
via B. Cairoli 59
Prato (PO)