Mercoledì, Marzo 15, 2017 - 22:15
Ingresso: 20 € (intero), 16 € (ridotto)

Quattro Grammy Awards e quindici nomination all’attivo, Gonzalo Rubalcaba è oggi un assoluto riferimento del pianismo jazz planetario. La prima persona che ha varcato il confine invisibile tra la musica tradizionale cubana e il Jazz internazionale. Da giovanissimo ha avuto la fortuna e l’onore di muovere i primi passi con una grande leggenda come il compianto Charlie Haden, suo mentore e amico che gli ha aperto le porte delle grandi platee internazionali. L'influenza del bassista è stata un filo comune in tutta la sua carriera. Dopo tutti i loro anni di collaborazione, lo studente di una volta ora rende tributo al suo grande maestro con un inno a lui interamente dedicato. Oggi Gonzalo Rubalcaba dedica un omaggio toccante al suo mentore che gli ha aperto la strada e ha fatto la differenza nella sua storia, sia come musicista sia come persona.

Con affetto, affiancato da alcuni tra i migliori talenti del Jazz, un gruppo di musicisti rappresentativo di quelli che sono i nuovi trend del linguaggio jazz contemporaneo, Gonzalo saluta quello che è stato il suo più grande (per intensità e produttività) collaboratore musicale ed amico. Il repertorio consiste in alcuni pezzi celebri di Charlie Haden riarrangiati e rielaborati secondo la sensibilità del quartetto, dove più che il calore dei Caraibi emerge l’emozione, il buon gusto e le composizioni si reggono su virtuosismi di grande eleganza. In scaletta presenti brani come “First Song”, “Bay City”, “Silence”, “Sandino”, “Passionaria” e altri non scritti da Haden ma che rientravano tra I suoi preferiti e quelli che amava di più suonare, come “Blue in Green” di Bill Evans, “Hermitage” di Pat Metheny e “Transparence” dello stesso Rubalcaba.

Solo prevendita locale e prenotazioni telefoniche
In coproduzione con Jazz Network (Crossroads).

Luogo di spettacolo

Conservatorio "G. Nicolini"
via Santa Franca 35
Piacenza (PC)