Sabato, Agosto 26, 2017 - 23:00
Ingresso: 12 € (intero primi posti), 10 € (ridotto primi posti), 10 € (intero secondi posti), 8 € (ridotto secondi posti)

Il Complesso vocale di Nuoro diretto da Franca Floris, in dialogo con Salvatore Spano (pianoforte e arrangiamenti), Emanuele Cisi (sassofono), Massimo Russino (batteria) e Salvatore Maltana (contrabbasso).
Quali affinità possono esistere tra una forma compositiva come il madrigale, che ha avuto il suo periodo di maggior sviluppo nel 1600 proprio attraverso il genio e la fantasia di Claudio Monteverdi, e l’estetica di una musica mutevole, interculturale e variegata come il jazz del XXI secolo?

Nonostante le evidenti ed ovvie differenze sono diversi gli aspetti in comune. Sicuramente la libertà ritmica e armonica, molto frequente in tutta la musica pre-tonale,poi il gusto per la fantasia e la variazione e anche la ricerca di soluzioni mai scontate. Ma forse il punto più evidente sta nel ruolo che è richiesto all’ascoltatore: un ruolo attivo, volto a trovare analogie e relazioni che il musicista semina e rivela a tratti tramite accenni, spunti, allusioni tematiche, sviluppi e riprese.

Un gioco enigmatico, spesso intellettuale, che in entrambi i mondi (quello del compositore polifonico colto e quello dell’improvvisatore contemporaneo) occupa un ruolo da protagonista e non marginale come in altre forme musicali più popolari o legate all’intrattenimento.

In quest’ottica si situa la chiave stilistica che sta alla base del lavoro di interpretazione e ri-scrittura jazz della Sestina, uno dei lavori forse più noti del grande compositore cremonese.

Attraverso la giustapposizione e il dialogo tra ensemble corale e gruppo strumentale si articola una narrazione espressiva che costringe l’ascoltatore ad effettuare una sintesi e trovare relazioni che sono talvolta nascoste o appena accennate; un labirinto sonoro che a poco a poco svela la ricchezza di un matrimonio stilistico che nonostante prenda spunto da un passato ormai remoto trova il modo di comunicare la sua freschezza anche alla nostra epoca.

Luogo di spettacolo

Cortili del Museo del Costume - Nuoro
Via Antonio Mereu, 56
Nuoro (NU)