Giovedì, Aprile 26, 2018 - 17:30

CONCERT - Ore 17.30

Conservatorio Giuseppe Verdi, PIAZZA BODONI

ORCHESTRAVAGANTE

Antonino Salerno, direzione

Marco Masera, sax soprano

Edoardo Dalle Nogare, Daniela Immormino, Alessandro Novaria, Luca

Giardino, trombe

Paolo La Torre, Massimo Proietto, tromboni

Francesco de Cesare, Massimiliano Senesi, sax alto

Gilberto Maina, Fabio Cosimo Pezzarossa, sax tenore

Luca Zennaro, sax baritono

Gianfranco Raffaele, pianoforte

Roberto Clementoni, chitarra elettrica

Andrea Raso, basso elettrico

Marco Ferrero, batteria

Francesco Comito, batteria, percussioni

OrcheStraVagante è l’orchestra jazz degli allievi del Centro di Formazione Musicale della Città di Torino, diretta dal maestro Antonino Salerno. Gli arrangiamenti, tutti originali, sono stati scritti con lo scopo di valorizzare al meglio le qualità e le competenze musicali dei singoli componenti. Il repertorio affronta i grandi classici del jazz, senza disdegnare le commistioni afro, sud americane, funky e fusion. Produzione Originale dei Corsi di Formazione Musicale della Città di Torino in collaborazione con TJF a sostegno dell'attività di Unesco Giovani

A seguire THE CREATIVE JAZZ WORKSHOP “THE MAGIC AROUND DISNEY”

Composizioni e arrangiamenti a cura degli allievi del Biennio di Jazz del Conservatorio di Torino

Johnny Lapio, Vittorio Vicari, trombe

Gledison Zabote, sax tenore e soprano

Luca Zennaro, sax baritono

Riccardo Conti, vibrafono

Simone Faedda, Stefano Eterno, Alessandro Romeo, chitarre

Alessandro Cisarò, Emanuele Francesconi, Nicola Meloni, Mattia Niniano, pianoforte

Michele Anelli, Matteo Piras, Dario Scopesi, contrabbasso

Manfredi Crocivera, batteria

Pinocchio, Dumbo, Cenerentola, La bella Addormentata nel bosco, La Carica dei 101, La Spada nella Roccia, il Libro della Giungla… Sette film d’animazione che hanno commosso, fatto ridere e cantare intere generazioni in tutto il mondo, vengono riletti dal Laboratorio di Composizione e Orchestrazione del Dipartimento di Jazz del Conservatorio di Torino. Un tributo ai compositori, agli scenografi e agli animatori - spesso misconosciut i- che hanno contributo con la loro arte a trasformare il nome di un geniale disegnatore di strisce a fumetti in quella grande multinazionale che oggi domina il cinema mondiale. Un tributo originale, stravagante, nostalgico e vagamente irriverente, che traccia una nuova prospettiva su alcune delle straordinarie melodie che ci hanno accompagnato fin dall’ infanzia. Estratti dalle musiche di: George Bruns, Paul J. Smith, Leigh Harline, Franck Churchill, Oliver Wallace. Produzione Originale del Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino in collaborazione con TJF a sostegno dell'attività di Unesco Giovani

INGRESSO GRATUITO

 

CONCERT Ore 21.00

OGR - Officine Grandi Riparazioni, CORSO CASTELFIDARDO 22

SET I FEDERICO MARCHESANO ATALANTE FEAT. LOUIS SCLAVIS

Louis Sclavis, clarinetto basso

Eric Groleau, batteria

Enrico Degani, chitarra classica

Federico Marchesano, contrabbasso

Un quartetto acustico la cui musica esplora i vasti territori del jazz contemporaneo. Il nome del gruppo rende omaggio all’omonimo, poetico e surreale film di Jean Vigo del 1934. L’Atalante è una barca-abitazione che percorre la rete fluviale francese, attorno alla quale si sviluppano le vicende di Jean e Juliette, due giovani sposi. Da questa immagine prendono ispirazione le composizioni di Marchesano, musicista trasversale, attivo sulla scena sperimentale dai primi anni Novanta, cofondatore della Solitunes Records. I brani proposti, in bilico tra scrittura e improvvisazione, abbracciano minimalismo, psichedelia, rock, jazz europeo, disegnando paesaggi sonori desolati e intimi.

Louis Sclavis - L’ospite di questo progetto è uno dei grandi protagonisti della musica improvvisata europea, attivo in Francia dai primi anni Settanta in particolare al clarinetto basso, strumento che domina con autorevolezza. Negli anni Ottanta ha collaborato con musicisti europei come Tony Oxley, Evan Parker, Enrico Rava, Tomasz Stanko. Produzione Originale TJF

A seguire SET II ARCHIE SHEPP QUARTET GUEST MARION RAMPAL

Archie Shepp, sax tenore, soprano, voce

Carl henri Morisset, pianoforte

Darryl Hall, contrabbasso

Steve McCraven, batteria

Marion Rampal, voce

Per Archie Shepp dobbiamo scomodare il termine “leggenda”. Il suo ritorno in Italia, dopo alcuni anni di assenza, è un evento imperdibile per gli appassionati e per chi non lo ha mai visto dal vivo. Shepp, drammaturgo, poeta, scrittore, cantante, compositore e ovviamente sassofonista dal talento unico, ha collaborato ad alcuni dischi fondamentali di John Coltrane, colui che ne ha favorito l’esordio nella prima metà degli anni Sessanta. La sua è una storia artistica di primo piano nella definizione del free jazz americano. Negli anni Settanta ha continuato la sua parabola creativa incorporando nella musica il soul e il funk. Di quegli anni, fatti anche di impegno civile e politico, sono le affermazioni più radicali di Shepp a proposito della libertà dei neri. Queste lotte non hanno mai limitato la sua musica e ne hanno invece arricchito i contenuti. Oggi la figura di Shepp incarna la continuità tra il passato glorioso del jazz e il presente: è uno dei pochi maestri in grado di trasmettere alle nuove generazioni il fermento degli anni Sessanta senza tralasciare le radici che affondano nel blues. Shepp è fautore di una musica senza tempo e quando imbocca il suo sassofono, ricco di vibrato, immediatamente veniamo trasportati in un clima espressivo unico. Dal vivo spazia dalle sue composizioni storiche al materiale inciso negli ultimi anni, come quello contenuto nel fortunato cd Gemini (2007). Lo accompagna un esperto gruppo franco/americano, in grado di mettere in moto l’energia di questo leone del jazz e abbiamo l’occasione di ascoltare la voce di Marion Rampal, che Shepp ha già voluto con sé nella Attica Blues Orchestra. Esclusiva italiana TJF

BIGLIETTO UNICO PER ENTRAMBI I SET

Posti numerati € 12,00/8,00

 

JAZZ clHUB - Ore 23.30

Jazz Club Torino, PIAZZALE VALDO FUSI

DADO MORONI - LUIGI TESSAROLLO QUARTET

Luigi Tessarollo, chitarra

Dado Moroni, pianoforte

Ares Tavolazzi, contrabbasso

Enzo Zirilli, batteria

In esclusiva per il TJF il consolidato duo di Dado Moroni con Luigi Tessarollo accoglie due ospiti d’eccezione: Ares Tavolazzi al contrabbasso ed Enzo Zirilli alla batteria. I quattro fuoriclasse presentano un coinvolgente repertorio di brani di compositori che hanno fatto la storia della letteratura di chitarra e piano da Cedar Walton a Wes Montgomery, da Thelonious Monk a Jim Hall. Una carrellata sull’affascinante sound di questo tipo di formazione che costella la produzione storica del jazz, discografica e concertistica.

INGRESSO GRATUITO

 

JAZZ clHUB - Ore 23.30

Folkclub, VIA PERRONE 3 BIS

SIMONE ZANCHINI QUARTET “CASADEI SECONDO ME”

Simone Zanchini, fisarmonica, elettronica

Stefano Bedetti, sassofoni

Stefano Senni, contrabbasso

Zeno De Rossi, batteria

Così Zanchini descrive il progetto “Casadei Secondo Me”. “In generale non mi sono mai interessati i tributi, gli omaggi, le rivisitazioni, le ho sempre trovate cosa vecchia, un po’ patetiche e legate al passato. Però quando mi è stato chiesto di fare un tributo a Secondo Casadei non ho potuto rifiutare. No, Casadei è un’altra cosa! Perché Casadei rappresenta il mio passato, e non solo in senso musicale ma in senso generale. Perché se nasci in Romagna e decidi a sette anni di suonare la fisarmonica, Casadei diventa una tappa obbligatoria che invade felicemente la tua vita. Sì, ho iniziato e sono cresciuto proprio con quei suoni. E oggi sono onorato di poter mettere mano alle melodie composte da questo grande personaggio, nel tentativo di dare loro nuova veste stilistica e freschezza musicale”. Fisarmonicista tra i più interessanti del panorama internazionale, la sua ricerca si muove tra i confini della musica contemporanea, acustica, elettronica, sfociando in un personalissimo approccio alla materia improvvisativa.

INGRESSO GRATUITO CON TESSERA FOLKCLUB

 

JAZZ clHUB - Ore 23.30

Mad Dog, VIA MARIA VITTORIA 35

ALFREDO PONISSI “YOUNG BLOOD” QUARTET

Alfredo Ponissi, sax alto, soprano, flauto, voce

Daniele Ciuffreda, chitarra elettrica

Stefano Solani, contrabbasso

Francesco Brancato, batteria

Il quartetto Young Blood nasce dal confronto fra musicisti esperti e di lunga carriera, come Alfredo Ponissi e Stefano Solani, e il “sangue giovane” di musicisti come Daniele Ciuffreda e Francesco Brancato. La musica che nasce da questo incontro è piena di spazi e raccoglie diversi linguaggi della tradizione del jazz, non pedissequamente ma cercando sempre l’onda narrativa. Il quartetto ha già al suo attivo due cd, il primo Bird Lives (JMR 2016), dedicato a Charlie Parker e il secondo Life Doesn’t Frighten Me At All (JMR 2018), rivolto a due importanti temi, la violenza sulle donne e il femminicidio.

INGRESSO GRATUITO CON TESSERA MSP ITALIA

Luogo di spettacolo

Officine Grandi Riparazioni
Corso Castelfidardo, 22
Torino (TO)